#Domande: Da che (p)Arte stai ?


La domanda che mi faccio spesso è sempre la stessa.
Cosa cerco guardando un quadro o una illustrazione e cosa mi attira o mi emoziona di più nelle immagini che ho difronte ?

image

Analogamente, mi ritrovo poi a fare le stesse domande su quello che preferisco disegnare o dipingere.

Premetto che in generale apprezzo e adoro ogni forma di espressione grafica, ma indubbiamente ci sono elementi che fanno maggiore o minore presa sulla mia attenzione e sul mio gusto.

Non sono domande semplici e, senza nessuna pretesa di riuscire a comprendere e risolvere in modo lineare, completo e matematico questa questione, quello che il più delle volte mi trovo a fare è annotare in modo casuale gli elementi che preferisco e quelli che mi attraggono meno.
(Peraltro, ho pure notato che a seconda dei periodi i miei gusti si modificano e si mischiano ….fantastico !!! 🙂 )

Alcuni esempi ?

Ora Mi piace molto

1) L’evocazione, l’assurdo e il surreale

2) I colori pieni, decisi

3) I colori primari

4) Le figure stilizzate e le forme imprecise

5) L’astratto (ma non tutto)

6) L’inchiostro nero

7) Gli scarabocchi da strada colorati

Etc.

Ora Mi attrae meno:

1) La pura descrizione

2) L’iperrealismo nel disegno

3) La paesaggistica e le nature morte

4) I colori tenui

6) I colori ad olio, i pastelli e le matite colorate

Ma come dicevo, poi tutto cambia e le liste spesso si invertono 🙂


E voi, da che (p)Arte state ora ?

Se ti scappa un punto di vista… non trattenerlo 🙂 condividilo nei commenti.

P.s.:
potete seguirmi anche su:
– Facebook: https://m.facebok.com/trattiespunti
– twitter: @MarcoGuzzini.

#illustrazionidapasseggio ( ogni lunedì e giovedì )

Annunci

20 comments

  1. Mi piace molto l’idea che l’arte non sia esclusivamente “puritana” se permetti il termine, ma che invece sia materia viva, attiva in continua evoluzione ed evocativa per gli stati d’animo e periodi di vita…..
    In fin dei conti se non è personale e vissuta non lascia una impronta solida in chi guarda, ma scivola via come se fosse solo un lavoro da fare seguendo le regole, senza alterazioni…..

    Liked by 2 people

  2. Nei confronti delle immagini ho un atteggiamento neutrale non così sensibile e soggetto a interrogativi e risposte mutevoli come nel tuo caso.
    Ma quello che per te avviene con il colore e il tratto ecc. – a me avviene con la parola nel suo vario modo d’essere. D’altronde, la parola è stata per una vita il mio mestiere, professione omologata, l’ho quindi praticata in ogni forma e quindi, con le dovute differenze “tecniche” – capisco benissimo la tua costante ricerca di risposte.

    Liked by 1 persona

  3. anche io come te, per adesso, tranne che per i colori primari. Ammiro molto sia le linee decise che i colori sfumati. Sono stata recentemente a Firenze a Vedere la mostra che racchiudeva i pezzi forti della collezione Guggenheim. Tra Kandinsky, Fontana, Parmeggiani, Pollock (ho scoperto la foresta incantata, il pezzo preferito della mostra)… ogni pezzo mi ha dato qualcosa. Fammi sapere se ti piacciono questi autori, sono curiosa 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Intanto, grazie anche per il tuo spunto!! 🙂 . E premetto che non sono un esperto di critica d’arte, quindi ogni mio commento è solo frutto dele mie impressioni e sensazioni.
      Ma veniamo agli ecellenti autori che hai nominato.
      Kandinsky mi piace tantissimo, nelle sue intersezioni di linee colori e pezzi. Ha le note astratte che al momento preferisco. Anche in una composizione astratta il mio gusto estetico, ora, cerca ancora dei riferimenti di tratto “tangibili” e riconoscibili che non sempre riesco a percepire in Pollock o Fontana. Questi ultimi due autori, per questo motivo, solitamente non li affronto nella sola osservazione dei risultati su tela ma cerco di aggiungere nel mio cervello la dinamica dell’esecuzione.
      In ogni caso preferisco sicuramente Kandinsky :-).
      Parmeggiani ammetto di non conoscerlo … approfitto per fare una ricerca.
      Astratto a parte, autori che adoro in questo momento so no:
      Klimt con le sue atmosfere dorate e Chagal con le sue poesie dipinte

      Liked by 1 persona

    1. Penso anche che alcune immagini siano specchi. Permettono di scorgere anche i propri di pensieri. Questa è la magia che preferisco :-). Penso che le immagini “risuonino” in maniera unica con ogni diverso. osservatore. Buonissima giornata 🙂

      Mi piace

  4. Noi siamo in tre; io che scrivo mi reputo un amante del classico e disegno soprattutto con uno stile da fumetto, che mi piace tanto (come in alcune immagini che accompagnano articoli sul nostro blog, quelle disegnate da me). In effetti sono cose su cui uno dovrebbe riflettere ogni tanto, anche per scoprire eventuali variazioni.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...